Offerte Impianti Cogenerativi Energrid

Energrid elabora soluzioni

A partire da impianti cogenerativi di piccola taglia fino a quelli adatti a utenze dagli elevati consumi di elettricità, calore e freddo: tecniche all’avanguardia centrate sulle esigenze degli interlocutori.

La Cogenerazione consiste nel recuperare il calore che si genera dalla produzione di energia elettrica, usualmente ottenuta con l’impiego di normali sistemi a combustione.

L’esempio più comune di Cogenerazione è quello dell’automobile: in inverno, il riscaldamento dell’abitacolo si effettua recuperando calore dal radiatore (calore altrimenti disperso nel’ambiente), e non certo bruciando altra benzina.

Per la “Cogenerazione Elettrica”, il calore dell’acqua di raffreddamento e dei gas di scarico ad elevata temperatura prodotti da un motore primo (sia esso motore a combustione interna, turbina a gas, caldaia con turbina a vapore, etc.), alimentato a combustibile fossile (gas naturale, olio combustibile, etc.) o da fonti rinnovabili (biomasse, biogas, etc.), anziché essere disperso nell’ambiente viene recuperato ed utilizzato per produrre vapore, acqua calda, aria calda, acqua fredda tramite gruppi assorbitori, risparmiando così il combustibile che sarebbe stato necessario per produrli.

schema.jpg

Si realizza in questo modo una efficienza energetica che presenta due vantaggi:

1. economico: quando si consuma meno combustibile si spende di meno
2. ambientale: quando si consuma meno combustibile si emette meno Anidride Carbonica (CO2), responsabile dell’effetto serra

Due soli requisiti necessari, molti effetti positivi.

Affinché la cogenerazione massimizzi gli effetti positivi in termini di efficienza energetica, sono necessari due fondamentali requisiti: un sostanziale e pressoché costante consumo di energia termica ed elettrica e l’utilizzo di tali energie in sito (il trasporto a distanza del calore diventerebbe infatti poco efficiente).

Per dare un’idea numerica, la cogenerazione è sicuramente conveniente per consumi annui di energia elettrica pari ad almeno 450.000 kWh e consumi annui di gas pari ad almeno 150.000 m3, con un limite inferiore mensile pari a 5.000 m3.